News

31st luglio
assicurazione capofamiglia costo

Assicurazione capofamiglia: cosa copre e quando conviene farla

Caratteristiche dell’assicurazione capofamiglia

L’assicurazione capofamiglia è una polizza molto importante in ambito familiare. Quest’assicurazione, infatti, tutela le famiglie dagli incidenti che possono verificarsi quotidianamente. C’è da precisare che questa polizza non copre soltanto il famiglia. Il nome potrebbe indurre i lettori in errore.

Cosa copre l’assicurazione del capofamiglia

L’assicurazione del capofamiglia copre tutti coloro che, in un modo o nell’altro, dipendono da lui. Dunque, potenzialmente non ci si riferisce solo a persone ma anche ad animali domestici. La polizza, nello specifico, copre i danni che il capofamiglia e i suoi conviventi causano a terzi. In genere, le compagnie assicurative estendono la copertura anche ai collaboratori domestici.

Altro aspetto che va chiarito è la tipologia di danno coperto dall’assicurazione. La polizza capofamiglia copre solo i danni accidentali ed in nessun modo può coprire quelli dolosi o volontari. Questa polizza non è legata alla casa. Può essere legata alle persone o agli animali.

Esempi di eventi coperti dall’assicurazione del capofamiglia

Qualche esempio può essere utile per comprendere in quali casi questa polizza interviene. Poniamo il caso che, per via di un incidente che tu non hai provocato volontariamente, vengono danneggiate zone che non sono di tua proprietà. In questo caso, la polizza del capofamiglia interviene e risarcire il soggetto terzo danneggiato. Il luogo, dunque, non ha molta importanza ai fini dell’applicazione della copertura. L’assicurazione interviene quando, per responsabilità non a loro imputabili, vengono coinvolti in prima persona il capofamiglia o coloro che convivono con lui.

Costo assicurazione del capofamiglia

Il costo dell’assicurazione del capofamiglia dipende da diversi fattori. Infatti, quando si stipula questa polizza è necessario valutare per bene tutte le coperture ritenute necessarie. Bisogna, dunque, considerare se in famiglia sono presenti dei minori o degli animali domestici. In base a tutti questi aspetti è necessario, poi, guardare al massimale, ricordando che se il danno è più alto della cifra stabilita dal massimale spetterà al capofamiglia, attraverso i suoi averi, intervenire per risarcire interamente la controparte. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *