News

25th gennaio
banche italiane emendamento cqs

Banche italiane chiedono regole più flessibili per la Cessione del Quinto

Se la proposta passasse per le banche nazionali ci sarebbe un risparmio di quasi un miliardo di euro di capitale

Possibilità novità in arrivo sul fronte Cessione del Quinto. Infatti, le banche italiane spingono affinché il regolamento sui requisiti di capitale delle banche europee, relativamente a questa tipologia di finanziamento, sia più flessibile. Ad oggi, l’assorbimento patrimoniale per le Cqs è pari al 75% del Cet1 (patrimonio di classe 1, rappresenta la componente principale del capitale di un banca). L’Italia, invece, preme per una diminuzione fino al 35%. Si stima che, nel caso in cui l’emendamento passasse, il risparmio per le banche italiane ammonterebbe a circa un miliardo di euro.

Il Direttore Generale dell’Abi Giovanni Sabatini si è espresso positivamente sull’argomento. Ha, infatti, dichiarato all’agenzia di stampa britannica Reuters che l’eventuale approvazione dell’emendamento consentirebbe alla cessione del quinto di diventare un benchmark in Europa nell’ambito dei finanziamenti alle famiglie.

Dunque, si attende la decisione finale che dipenderà dall’esito delle trattative tra Commissione, Parlamento e Consiglio Europeo. Le banche hanno giustificato la richiesta facendo appello alle caratteristiche stesse del prodotto Cqs. Le cessioni del quinto presentano, infatti, una probabilità di default piuttosto bassa. Di conseguenza, la copertura di questa particolare tipologia di finanziamento richiede molto meno capitale.

Leggi anche come funziona la cessione del quinto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *