News

18th ottobre
cessione del quinto ai protestati

Cessione del Quinto ai protestati: ecco perché è possibile

Cessione del Quinto ai protestati: come funziona e come ottenerla

La cessione del quinto è una tipologia di finanziamento che permette di accedere ad un prestito a condizioni molto agevolate. Il vantaggio sta soprattutto nella metodologia utilizzata per la restituzione delle rate. Il beneficiario non deve occuparsi in prima persona del pagamento della rata. Sarà, infatti, il datore di lavoro e l’ente pensionistico a trattenere dallo stipendio o dalla pensione un importo pari ad un quinto dello stipendio/pensione.

La particolare caratteristica di questo finanziamento è quella di essere accessibile anche a soggetti protestati. Magari, in passato ti è capitato di non riuscire a pagare una o più rate di un vecchio finanziamento. Purtroppo, il mancato pagamento di una rata comporta la segnalazione del tuo nominativo nella banca dati della Centrale Rischi.

La cessione del quinto ai protestati è una strada percorribile per chi, pur essendo protestato, vuole accedere ad un prestito. Del resto, la cessione del quinto si caratterizza per una garanzia molto forte che è, per l’appunto, quella reddituale. Se sei un pensionato o un dipende statale o pubblico avrai ottime chance di ottenere il prestito anche se sei protestato. Se sei un dipendente privato molto dipenderà anche dal profilo dell’azienda che ti ha assunto, dal tipo di contratto con cui sei stato inquadrato e da quanti anni lavori in quell’azienda.

Ad ulteriore garanzia sia per la banca erogante che per il cliente, la cessione del quinto comporta anche la sottoscrizione di una polizza assicurativa. Essa tutela la banca dal rischio di morte o di perdita del lavoro da parte del beneficiario. Se la cessione è richiesta da un dipendente privato, la compagnia assicurativa potrebbe verificare la sussistenza di alcuni elementi in seno all’azienda in cui il soggetto lavora, come ad esempio la forma societaria o il numero di dipendenti. Inoltre, si guarderà anche all’anzianità lavorativa del soggetto. Una maggiore anzianità lavorativa significa un più elevato TFR accumulato e una migliore garanzia anche per l’istituto erogante.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *