News

31st luglio
cribis fallimenti imprese italiane

Imprese italiane in crescita: in netto calo i fallimenti

L’indagine di Cribis conferma: fallimenti imprese italiane in calo del 15,7% rispetto al 2016

Il secondo trimestre 2017 conferma i buoni segnali giunti già nei mesi scorsi dal settore imprenditoriale. Rispetto al 2016 si registra un calo dei fallimenti delle imprese italiane del 15,7%, del 17,8% rispetto al 2015 e addirittura del 22,2% rispetto al 2014. E’ quanto rivela Cribis, la società del gruppo Crif esperta in Business Information.

Nel periodo compreso tra aprile e giugno 2017, 3190 aziende hanno depositato i libri in tribunale per un totale di 6188 imprese fallite dall’inizio dell’anno. I segnali incoraggianti non mancano, dunque, specie se come termine di paragone si prendono in considerazione gli ultimi anni. C’è da dire che siamo ancora lontani dalle cifre registrate negli anni che hanno preceduto la crisi economica. L’augurio è che il numero di fallimenti possa continuare a calare nei prossimi anni e tornare ai livelli dei decenni scorsi. 

Distribuzione territoriale dei fallimenti

La Lombardia incide sul totale dei fallimenti in Italia per una percentuale del 21,4%. Circa 1300 imprese lombarde sono fallite nel 2017. Il triste primato della Lombardia in questa speciale classifica è confermato anche da un altro dato: tale regione è, infatti, al primo posto per il numero totale di fallimenti dal 2009 ad oggi, con 23542 imprese fallite.

Al secondo posto troviamo il Lazio dove nel primo semestre sono fallite 786 aziende. L’incidenza del Lazio sul totale dei fallimenti in Italia è del 12,7%. Dal 2009 ad oggi in questa regione hanno portato i libri in tribunale 11647 imprese. 

Terza posizione per la Campania, con 539 fallimenti dall’inizio del 2017, 8854 dal 2009 ad oggi ed un’incidenza dell’8,7% sul totale dei fallimenti in Italia. 

I settori maggiormente in difficoltà

L’indagine di Cribis si è allargata anche ai settori maggiormente in difficoltà. Maglia nera per il comparto commercio, con 2072 imprese fallite nel 2017. 1410, invece, i fallimenti segnalati nel settore dei servizi, 1253 nell’edilizia e 1190 nell’industria.

Bisogna, però, guardare anche l’altra faccia della medaglia. Infatti, per ognuno di questi settori, il numero di fallimenti è in costante calo negli ultimi anni. Nel commercio, infatti, i fallimenti nel 2017 sono diminuiti del 14,7% rispetto al 2016, del 17,8% nell’industria, del 14,3% nell’edilizia, del 10,6% nei servizi.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *