News

13th dicembre
mutui prima casa novembre 2017

Mutui prima casa: +46% a fine novembre

Nell’ambito dei mutui prima casa si segnala una crescita del +46% alla fine di novembre 2017: in calo sostituzioni e surroghe

Continuano a crescere i mutui prima casa. All’inizio del 2017 era stata evidenziata una crescita del 33%.  A fine novembre, invece, i dati confermano un +46%. Dunque, sotto questo aspetto, il comparto dei mutui per acquisto prima casa prosegue nel trend positivo. Un risultato probabilmente favorito da tassi d’interesse che si attestano su livelli ancora piuttosto bassi. E’ quanto rivela l’ultimo studio dell’Osservatorio di MutuiOnline. Capitolo sostituzioni e surroghe mutui. Questi due comparti insieme coprono il 45,4% del mercato ma, rispetto al primo semestre, il calo negli erogati è del 14,1%. La stragrande maggioranza degli italiani continua a preferire il tasso fisso (77,2%). Solo il 19,5% ha scelto il tasso variabile

Il 31,7% dei mutui viene erogato attraverso un piano di ammortamento di almeno 20 anni. La percentuale è in crescita rispetto all’inizio dell’anno. La classe d’importo in cui ricade il 36,4% dei mutui è quella compresa tra € 50.001,00 ed € 100.000,00. La fascia d’età compresa tra 36 e 45 anni si è accaparrata il 46,8% dei mutui. La classe di reddito in cui, invece, si sono concentrati in misura maggiore i finanziamenti (38,2%) è quella compresa tra € 1.501,00 ed € 2.000,00.

La distribuzione geografica dei mutui premia ancora una volta il Nord (45,8%). A seguire il Centro (37%), il Sud (11,8%) e le Isole (5,4%).

Chiudiamo con i dati relativi ai tassi. Il tasso medio fisso nel 2017 si attesta intorno al 2,28% (2,30% nel 2016). Di maggiore entità il calo del tasso medio variabile che passa dall’1,23% all’1,02%. 

 

 

PrestitoSì è un soggetto giuridico che opera nella mediazione creditizia ed ogni giorno offre uno spazio dedicato a notizie provenienti dal mondo del credito. Oggi abbiamo parlato di mutui per acquisto prima casa. Seguici sul nostro sito oppure sulle nostre pagine social.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *