News

28th luglio
mutuo prima casa tempi erogazione

Mutui prima casa: ecco i tempi medi di erogazione

Ecco cosa è emerso dall’indagine di Mutui.it e Facile.it sui tempi di erogazione per i mutui prima casa

Quali sono i tempi di erogazione dei mutui prima casa? La risposta ci è pervenuta da alcuni dati raccolti da Facile.it e Mutui.it. L’analisi si è basata su circa 1800 pratiche concluse tra gennaio 2016 e giugno 2017. Ebbene, il risultato è che per l’erogazione di un mutuo di questo tipo sono necessari in media, 134 giorni. Poco più di quattro mesi, dunque. 

E’ necessario sottolineare che ci sono tempistiche di erogazione differenti a seconda della regione in cui la richiesta viene effettuata e a seconda della tipologia di mutuo. Per un mutuo di liquidità sono necessari, in media, 115 giorni. Per la surroga del mutuo, invece, i tempi aumentano e si passa ad una media di 140 giorni.

Tempi d’attesa erogazione mutuo per regioni e province

La regione in cui i tempi d’attesa sono maggiori è l’Umbria, con una media di 153 giorni. Quella con tempi d’attesa minori è il Friuli Venezia Giulia, dove in media, per ottenere un mutuo, sono necessari “solo” 94 giorni. In merito ai capoluoghi di provincia, primato in negativo per Pisa. La città della Torre è quella in cui bisogna attendere di più prima di ricevere il mutuo (204 giorni, in media). Il Friuli Venezia Giulia conferma il suo primato anche nella classifica per province. Ad Udine e a Gorizia i tempi d’attesa sono i più brevi d’Italia (In media, rispettivamente, 82 ed 83 giorni).

Il Trentino Alto Adige è la regione in cui sono pervenute le richieste di mutuo di importo maggiore (cifra, in media, leggermente inferiore a € 151.000,00). Il secondo posto di questa particolare classifica è occupato dal Lazio (€ 145.600,00), il terzo dalla Lombardia (€ 134.750,00). Interessante anche un’altra statistica che vede Sicilia e Campania quali regioni in cui il rapporto tra valore dell’immobile e importo del mutuo erogato è maggiore. Infatti, gli abitanti di queste due regioni chiedono alla banca un mutuo che sia in grado di finanziare, rispettivamente, il 73% ed il 71% del valore della casa.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *