News

8th settembre
nuovo euribor 2020 riforma

Nuovo Euribor nel 2020: cosa cambia per i mutui

Il nuovo Euribor potrebbe vedere la luca nel 2020: ecco cosa cambierebbe per i mutui

Il nuovo Euribor nel 2020 potrebbe diventare realtà. La riforma, al vaglio dell’European Money Market Institute, prevede la creazione di un modello ibrido. L’obiettivo è di offrire maggiori garanzie ai consumatori, soprattutto per coloro che sottoscriveranno un mutuo. Prima di addentrarci negli aspetti tecnici dell’argomento, andiamo a vedere che cos’è l’Euribor.

Cos’è l’Euribor

Euribor sta per Euro Interbank Offered Rate, tradotto in italiano come tasso interbancario di offerta in euro. Indica il tasso di interesse medio relativo alle transazioni finanziarie in Euro che avvengono tra le più importanti banche europee. Attraverso l’Euribor è possibile conoscere il costo del denaro a breve termine. Esso viene utilizzato come tasso di base per il calcolo degli interessi variabili dei mutui, nella fattispecie mutui ipotecari a tasso variabile. 

Come si calcola

Il procedimento per il calcolo dell’Euribor non è molto complicato, per lo meno a dirsi. Il tasso viene fissato quotidianamente dalla European Banking Federation. L’EBF ottiene questo dato attraverso una media dei tassi di deposito interbancario tra le principali banche europee, circa 50.

Riforma Euribor

La riforma Euribor si rende necessaria ai fini dell’ottenimento di un indice più affidabile rispetto a quello attuale. Un risultato che potrà essere raggiunto utilizzando un metodo sicuro e trasparente, evitando possibili comportamenti fraudolenti da parte delle banche.

Tempi

Per la fine del 2017 il nuovo modello dovrebbe diventare realtà. Seguire una sperimentazione di circa due anni, per arrivare, all’inizio del 2020, ad utilizzare stabilmente il nuovo Euribor, secondo i parametri di riferimenti che gli addetti ai lavori stanno analizzando.

L’impatto sui mutui

Abbastanza complicato esprimersi su questo punto. L’augurio è che il nuovo tasso possa offrire maggiori garanzie ai consumatori. Certo è che intervenire sui contratti legati all’Euribor non sarà semplice. Parliamo di un mercato il cui valore complessivo è stimato in circa 180mila miliardi di euro. Di questa cifra ben 1000 miliardi di euro si riferiscono solamente al prodotto mutui.

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *