News

18th aprile
prestiti marzo 2018

Prestiti marzo 2018: +2,1% su base annua

Prestiti marzo 2018: emergono dati positivi dall’ultimo rapporto mensile di Abi sul credito

Prestiti marzo 2018. Si registra una crescita del 2,1% su base annua per i finanziamenti a famiglie ed imprese. E’ da più di due anni, ormai, che il tasso di crescita si conferma positivo. Crescono del 2,6% i mutui anche se, in questo caso, i dati si riferiscono a febbraio 2018.

Il tasso d’interesse sui prestiti alla clientela a marzo è pari al 2,68%. Si tratta di un nuovo minimo storico (2,69%). Mai così contenuti pure i tassi d’interesse sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni (1,90% a marzo, 1,91% a febbraio). I due terzi dei nuovi mutui erogati sono a tasso fisso. Tassi bassissimi anche per le nuove operazioni di finanziamenti alle imprese (da 1,54% di febbraio 2018 all’attuale 1,38%).

Calano anche le sofferenze nette, passate dai 59,5 miliardi di gennaio 2018 ai 54,5 miliardi di febbraio. Si riduce il rapporto tra sofferenze nette ed impieghi totali, arrivando a febbraio 2018 al 3,16%.

A marzo 2018 aumentano di circa 73 miliardi di euro i depositi (+5,3% su base annua). Dall’altra parte, continua a calare la raccolta attraverso obbligazioni, diminuita di circa 58,5 miliardi di euro. La raccolta complessiva, rappresentata da depositi e obbligazioni, fa registrare a marzo 2018 una crescita su base annua del +0,9%.

In calo di due punti percentuali (da 0,75% di febbraio 2018 a 0,73% di marzo 2018) il tasso d’interesse medio sul totale della raccolta bancaria da clientela. Basso, infine, anche lo spread fra tasso sui prestiti e tasso sulla raccolta (195 punti base a marzo 2018, 194 il mese precedente). Sono questi i principali risultati a cui è giunta Abi nell’ultimo rapporto mensile sul credito.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *