News

27th dicembre
sostegno al credito pmi dati abi

Sostegno al credito: ecco gli ultimi dati

Dal 2009 al 2017 hanno avuto accesso a misure di sostegno al credito ben 464.055 Piccole e Medie Imprese

Dal 2009 ad oggi 464.055 PMI hanno beneficiato delle misure di sostegno al credito attivate dalle banche. Tali politiche hanno incontrato pieno sostegno da parte dell’ABI. Gli istituti bancari, comunque, hanno realizzato gli interventi attraverso cinque fasi:

  • Fornire respiro, dal punto di vista finanziario, alle imprese in difficoltà;
  • Individuare nuove misure volte a favorire la crescita delle imprese sane, a riequilibrare la struttura finanziaria e ad ampliare l’accesso al credito;
  • Garantire la disponibilità di adeguate risorse finanziarie alle PMI, con l’obiettivo di aiutare le imprese a superare la fase di impasse coincisa con i primi anni della crisi economica;
  • Riproporre le misure di sospensione ed allungamento dei finanziamenti, messe in atto già nell’ambito dell’iniziativa “Nuove misure per il credito alle PMI”;
  • L’accordo per il credito 2015 sottoscritto tra ABI e le Associazioni di Rappresentanza delle Imprese

Per quanto concerne la sospensione delle rate dei finanziamenti, tale provvedimento ha riguardato 438934 PMI, per un controvalore complessivo di 125,8 miliardi di euro. Non solo. Si è registrata anche una maggiore liquidità a disposizione delle PMI, pari a 24,8 miliardi di euro. In merito all’allungamento dei piani di ammortamento, tale opzione ha interessato 25.121 PMI. Il debito residuo totale ammonta a 7,4 miliardi di euro.

Leggi anche l’articolo coi dati precedenti relativi alle misure di sostegno alle PMI.

 

 

 

PrestitoSì è una società che opera nel settore della intermediazione finanziaria, regolarmente iscritta negli elenchi dei Mediatori Creditizi. Ogni giorno, dedichiamo un approfondimento alle notizie relative al mondo del credito. Oggi abbiamo parlato dei nuovi dati pubblicati dall’ABI sulle misure di sostegno al credito a favore delle PMI. Se il nostro articolo ha suscitato il tuo interesse condividilo sui social o commentalo.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *