Come diventare intermediario finanziario: chi sono gli intermediari finanziari - PrestitoSì Finance S.p.A.

Come diventare intermediario finanziario: chi sono gli intermediari finanziari

In: Mediazione Creditizia No comments

Come diventare intermediario finanziario: definizione e normativa sugli intermediari finanziari

La PrestitoSì Finance S.p.A., società di mediazione creditizia tra le più importanti realtà presenti in Italia, offre uno spazio dedicato a notizie ed approfondimenti sul mondo del credito e sulle professioni del settore economico-finanziario. Oggi dedichiamo un approfondimento alla figura dell’intermediario finanziario.
Il mondo delle professioni nel settore del credito ha attraversato un periodo di profondo cambiamento e rinnovamento. Lo stesso è accaduto anche al settore dell’intermediazione finanziaria. Alla luce della nuova normativa, tale guida ti illustrerà come diventare intermediario finanziario.
Nel 2010 è stato approvato il Decreto Legislativo numero 141. Prima di questa riforma, esisteva un elenco generale degli intermediari finanziari ed un elenco speciale, secondo quanto era previsto rispettivamente dagli ex art. 106 e 107 del Testo Unico Bancario. Con la nuova normativa, invece, esiste un unico albo degli intermediari finanziari.

Definizione Intermediario finanziario

Ecco una definizione di intermediario finanziario che può aiutare a comprendere meglio il ruolo e le funzioni svolte da tale figura. Un intermediario finanziario è un operatore che si occupa dell’offerta di servizi. Il suo compito è quello di favorire l’incontro tra domanda ed offerta, negoziando per conto di soggetti terzi strumenti d’investimento.

Cosa fa l’intermediario finanziario

L’articolo 106 del Testo Unico Bancario definisce gli ambiti di operatività degli intermediari finanziari. Dunque, cosa fa l’intermediario finanziario? Egli si occupa della concessione di finanziamenti a favore del pubblico. In ambito di cartolarizzazione dei crediti, gli intermediari finanziari si possono occupare di servizi di pagamento e di cassa, nonché di riscossione di crediti ceduti.
Quando si parla della concessione di finanziamenti, ci si riferisce ad ogni iniziativa legata alla concessione di crediti. In questa categoria rientrano anche gli impegni di firma nonché le garanzie a sostituzione del credito. L’attività di concessione dei finanziamenti va svolta con professionalità.
E’ veramente ampio il novero delle attività potenzialmente esercitabili dagli intermediari finanziari. Essi possono emettere moneta elettronica e possono prestare sia servizi di pagamento che d’investimento. Non finisce qui. Gli intermediari finanziari possono erogare finanziamenti a tasso agevolato ma anche occuparsi della distribuzione di prodotti assicurativi oppure promuovere e vendere contratti che riguardano la concessione di finanziamenti.
Le attività connesse all’intermediazione finanziaria sono rappresentate dal recupero crediti di terzi e dai servizi informativi commerciali. Un intermediario finanziario ha, in aggiunta, l’opportunità di offrire un servizio di consulenza nell’ambito della finanza d’impresa.
Ci sono, poi, alcune attività che sono strumentali, ovvero, ausiliari a quella dell’intermediazione finanziaria. Tra queste rientrano attività di formazione del personale nonché gestione di servizi di tipo informatico e di elaborazione dati.

Requisiti intermediario finanziario

Sono diversi i requisiti dell’intermediario finanziario. Innanzitutto, c’è da specificare che è la Banca d’Italia a concedere l’autorizzazione per svolgere l’attività di concessione di finanziamenti. Tale autorizzazione arriva se la Banca d’Italia riconosce la presenza di determinati requisiti.
Deve essere costituita una società di capitali. E’ la normativa ad indicare l’ammontare minimo del capitale da versare in sede di costituzione della società. La sede legale, nonché la direzione generale dell’intermediario finanziario, deve essere sita nel territorio italiano. I vari esponenti aziendali devono possedere i requisiti di professionalità, indipendenza e onorabilità.

Iscrizione Albo intermediari finanziari

L’iscrizione all’albo degli intermediari finanziari avviene nel momento in cui la Banca d’Italia accetta la domanda inoltrata dall’intermediario finanziario. La Banca d’Italia ha 180 giorni di tempo per accettare o meno la richiesta d’iscrizione pervenuta dall’intermediario.
Dunque, l’attività di intermediazione finanziaria è piuttosto variegata. Allo stesso modo, esistono diverse figure professionali legate al mondo dell’intermediazione finanziaria.
Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui Social oppure rilascia un commento. Seguici sulle nostre pagine Twitter, LinkedIn e Facebook.
Leggi anche come diventare un agente assicurativo

0 Likes

Comments: 0

There are not comments on this post yet. Be the first one!

Leave a comment

come-diventare-intermediario-finanziario-chi-sono-gli-intermediari-finanziari-prestitos-finance-s-p-a
Scroll Up
0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap